Brendon Hartley durante le qualifiche del GP della Cina

Gp della Cina - Qualifiche

April 14, 2018

Non proprio la giornata che ci aspettavamo, qui in Cina: difficili condizioni meteo e tanto lavoro da fare per la gara di domani!




Brendon Hartley (STR13-03, Car 28)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:34.991, 14° pos., 20 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:34.013 (Q2) 1:33.795, 15° pos.

"Ieri abbiamo avuto un piccolo problema sulla mia vettura, ma durante la notte è stato risolto. Sia io che Pierre abbiamo faticato su questa pista rispetto al Bahrain. Ci sono diverse motivazioni: qui la temperatura è notevolmente diversa e il vento è veramente forte. Lo abbiamo notato anche a Melbourne: quando il vento aumentava, soffrivamo di più rispetto alle altre vetture. In Bahrain avevamo una vettura più competitiva e ora dobbiamo capire perché qui non è lo stesso, ma ciò dimostra quanto sia serrata la battaglia a centro gruppo. Penso che su questa pista si possa sorpassare e che le temperature domani saranno più alte. In gara, le cose potrebbero cambiare completamente anche solo al cambio di vento e temperature, a cui le moderne vetture di F1 sono molto sensibili. Rimango positivo e credo che i punti siano un obiettivo possibile partendo dalla P15. Tutto sommato, sono abbastanza soddisfatto del lavoro che ho fatto oggi".

 


Pierre Gasly (STR13-04, Car 10)
Terza Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:35.079, 16° pos., 16 giri
Qualifiche – Miglior Giro: (Q1) 1:34.101, 17° pos.

"Oggi è stata una giornata difficile. Ieri per noi è stato abbastanza positivo chiudere in 11° e 12° posizione, ma abbiamo fatto delle modifiche alla vettura e da stamattina ho faticato a trovare il ritmo e questo ha reso difficile mettere tutto insieme. Non abbiamo avuto molto tempo per cambiare l'assetto tra le FP3 e le qualifiche che, alla fine, si sono rivelate difficili. Sto ancora imparando tanto sul tracciato, penso che nei long run di ieri eravamo messi bene in termini di degrado – la cosa è positiva – ma partendo dalla P17 dovremo trovare il modo di recuperare. Speriamo di poter capire cosa è andato storto e ritrovare il ritmo domani. Ieri abbiamo faticato un po' con l'avantreno e oggi ci sono stati problemi al retrotreno. Solitamente nei long run siamo abbastanza bravi a gestire il degrado, ma stasera dobbiamo capire perché le modifiche apportate non hanno funzionato. Domani faremo di tutto per recuperare".

 



James Key (Technical Director):
"È stato un fine settimana più duro del previsto: sapevamo che questo circuito non si sarebbe adattato a noi come quello dell'ultima gara, ma speravamo in una prestazione migliore rispetto a quella mostrata oggi. Le basse temperature e il forte vento non ci stanno aiutando, abbiamo avuto problemi a trovare un buon equilibrio, anche se ovviamente le condizioni sono uguali per tutti. Pierre non si è trovato a proprio agio con la vettura per gran parte della giornata, almeno non quanto lo era stato ieri, quando eravamo più competitivi. Purtroppo già in Q1 era fuori: ora dobbiamo capire dove abbiamo perso. Brendon è arrivato in Q2 e mentre lui è riuscito a progredire e fare un giro pulito, noi non siamo riusciti a migliorare abbastanza come avevamo fatto. Penso che dovremo accettare la nostra prestazione di oggi e sperare che le più favorevoli condizioni meteo di domani ci permettano di migliorare. Nel complesso è stata una sessione di qualifiche deludente e dobbiamo analizzare attentamente ciò che ogg iha avuto un effetto così negativo sulla nostra competitività"

 

Toyoharu Tanabe (Honda F1 Technical Director):
"Nel complesso, questo è un risultato deludente per il team, ma Brendon ha fatto comunque un buon lavoro entrando in Q2. Dal punto di vista della PU, tutto è andato bene fino a ora e studieremo i dati per assicurarci di fare una buona gara domani".